New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author

MARTIN A-30 BALTIMORE

Last Update: 7/3/2024 4:09 PM
9/28/2013 10:37 AM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,524
Registered in: 9/20/2013
Location: VIAREGGIO
Age: 70
AZUR 1:72
MARTIN A-30 BALTIMORE


Il Martin 187 Baltimore era un bombardiere leggero bimotore di costruzione statunitense. Sviluppato su richiesta della Royal Air Force, fu impiegato durante la seconda guerra mondiale. Entrò in azione nella primavera del 1942, a fianco di altri bombardieri leggeri della RAF nel Mediterraneo. L’adattamento dei piloti alla nuova macchina, però, non fu rapido né facile. A causa della potenza dei propulsori, molto elevata rispetto al peso, particolarmente pericoloso risultava il decollo. Proprio in un incidente su questo aereo perdeva la vita l’asso degli aerosiluranti italiani, Carlo Emanuele Buscaglia. [3] Sebbene il Baltimore non sia mai stato impiegato da nessuna forza armata statunitense, venne comunque designato A-30.


SCHEDA TECNICA


TIPO BOMBARDIERE LEGGERO

DATA PRIMO VOLO 14 GIUGNO 1941

ES. COSTRUITI 1575

AP. ALARE 18,69 m

LUNGHEZZA 14,78 m

ALTEZZA 5,41 m

PESO MAX 10.251 Kg

MOTORE 2 RADIALI WRIGHT GR-2600-A5B

POTENZA 1660 CV CIASCUNO

VELOCITA' MAX 491 Km/h

AUTONOMIA 1700 Km

TANGENZA 7100 m

ARMAMENTO 4 BROWNING M1919 DA 7,7 mm ALARI
2-4 M1919 DA 7,7 mm IN TORRETTA DORSALE
2 M1919 DA 7,7 IN POSIZIONE VENTRALE

BOMBE FINO A 907 Kg


ORDINATO PER LE ESIGENZE DELLA RAF INGLESE ALL'INDUSTRIA
STATUNITENSE, IL MARTIN BALTIMORE E' UN AEREO CHE HA LARGAMENTE
OPERATO CONTRO LA REGIA AERONAUTICA, PRIMA IN AFRICA SETTENTRIONALE
POI SULLO STESSO TERRITORIO METROPOLITANO.
QUESTO BIMOTORE NON E' QUINDI SCONOSCIUTO AGLI UOMINI DELL'AERONAUTICA
COBELLIGERANTE CHE DA SETTEMBRE 1943, IN BASE ALLA DECISIONE ALLEATA
DI ASSEGNAZIONE ALL'ITALIA DI UNA CERTA ALIQUOTA DI AEREI USATI, LO VEDONO OPERARE SUGLI AEROPORTI
DELL'ITALIA MERIDIONALE IN APPOGGIO ALLE FORZE ANGLO-AMERICANE
CHE STANNO RISALENDO LA PENISOLA.

ALL'INIZIO DEL CICLO ADDESTRATIVO SUL QUESTO AEREO, LO STESSO COMANDANTE
DEL 28° GRUPPO, MAGG. CARLO EMANUELE BUSCAGLIA, RIMANE VITTIMA DI UN
GRAVE INCIDENTE DI DECOLLO.

ABBATTUTO CON L'AEREO IN FIAMME (S.79 SPARVIERO) NELLA BAIA ALGERINA
DI BOUGIE (12 NOVEMBRE 1942) BUSCAGLIA SI SALVA MIRACOLOSAMENTE PUR
RIPORTANDO GRAVI FERITE ED USTIONI. DOPO LUNGA DEGENZA OSPEDALIERA, EGLI VIENE
RINCHIUSO IN CAMPO DI CONCENTRAMENTO PER PRIGIONIERI DI GUERRA , NEGLI STATI UNITI A
FORT MEADE. CONVALESCENZA E PRIGIONIA LO HANNO DUNQUE TENUTO LONTANO DALLE LINEE
DI VOLO FINO ALL'ESTATE DEL 1944. A CAMPO VESUVIO SI E' AL CORRENTE DI QUESTA
SITUAZIONE E BUSCAGLIA, PIU' DI ALTRI PILOTI, E' DESTINATO AD UNA ATTENTA FASE
ADDESTRATIVA. PURTROPPO L'UNICO BALTIMORE BI-COMANDO RIMANE DANNEGGIATO IN UN
INCIDENTE E TUTTO IL PROGRAMMA PER LA RIPRESA DEI VOLI VIENE DILAZIONATO IN
ATTESA DI MODIFICARE UN'ALTRO ESEMPLARE.

MA VERSO LE h. 19,30 DEL 7 AGOSTO 1944, UN PILOTA COMUNICA ALLA BASE DI COMANDO
CHE IL MAGG. BUSCAGLIA E' A BORDO DI UN AEREO ED HA IN ANIMO DI PROVARE AD
EFFETTUARE UN DECOLLO DA SOLO. VIENE FATTO TUTTO IL POSSIBILE PER DISSUADERE IL
MAGG. A DESISTERE DAL TENTATIVO, MA EGLI HA ORMAI LASCIATO I PARCHEGGI E RULLA
FINO ALLA PISTA FIANCHEGGIATA DA ALBERI INSIDIOSI PER TENTARE IL DECOLLO.
DA' TUTTO MOTORE E DOPO UNA CORSA DI CIRCA 300 m FA STACCARE L'AEREO DA TERRA CHE
PERO'IMBARDA DA UN LATO TOCCANDO IL SUOLO CON UNA SEMIALA, ROVESCIANDOSI E INCENDIANDOSI.
IL PILOTA RIESCE A BUTTARSI FUORI MA E' INVESTITO DALLE FIAMME, E PUR AVENDO LA FORZA DI
USCIRNE, E' ORMAI COPERTO DA TERRIBILI USTIONI. MOLTI ACCORRONO IN AIUTO : ABBATTIMENTO E DISPERAZIONE SONO NELL'ANIMO DI TUTTI. PORTATO NELL'INFERMERIA BUSCAGLIA RIESCE A DIRE QUALCHE PAROLA PROPRIO A QUEI VECCHI COMPAGNI CHE HANNO TENTATO INUTILMENTE DI DISSUADERLO DA DECISIONI AVVENTATE.
EGLI VIENE TRASPORTATO ALL'OSPEDALE MILITARE INGLESE DI NAPOLI, MA E' UNA NOTTE DI AGONIA CHE SI CONCLUDE ALL'ALBA DELL'8 AGOSTO '44.
LA LUNGA INATTIVITA, L'AEREO COMPLETAMENTE DIVERSO, UNA DECISIONE ORGOGLIOSA QUANTO IRRAZIONALE HANNO BANALMENTE UCCISO UN GRANDE E VALOROSO COMBATTENTE CHE HA ONORATO LA NOSTRA AREONAUTICA MILITARE.

IL SUO SACRIFICIO SARA' PERO' MOLTO UTILE AGLI ALTRI PILOTI CHE SI CIMENTERANNO AD USARE QUESTO POTENTE BIMOTORE CHE SEGNERA' LA RINASCITA DELLA NOSTRA AVIAZIONE MILITARE.

il modello in scala 1:72 della AZUR, made in czech republic, riproduce quello dell'incidente occorso al MAGG. C. E. BUSCAGLIA.







11/4/2013 8:32 AM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,524
Registered in: 9/20/2013
Location: VIAREGGIO
Age: 70
foto della realizzazione del modello, scusate ma le avevo perse....









[Edited by AKAGI54 11/4/2013 8:38 AM]
7/3/2024 4:09 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,524
Registered in: 9/20/2013
Location: VIAREGGIO
Age: 70
Ripropongo questo vecchio post dato che il gestore mi ha cancellato le foto postate allora
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:37 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com