New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author

Il forestiero e gli americani

Last Update: 8/7/2013 4:17 PM
7/21/2013 9:43 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 77
Registered in: 4/4/2013
Location: LECCO
Age: 26
Ciao a tutti! Con questo topic vorrei raccontarvi due storie vere di guerra che mi ha raccontato mio nonno.

Storia numero uno:

Ai tempi della guerra, nel '43, mio nonno era un ragazzino tra i 9 e i 10 anni che viveva nella bergamasca. Suo padre era un minatore e, mio nonno, per portar in casa qualche spicciolo in più, lavorava come corriere per trasportare carne e formaggi. Partiva la mattina presto, quando ancora c'era buio, per non farsi scoprire e utilizzava le piccole stradine in mezzo ai boschi, trascinando il suo piccolo carrellino pieno di carne o formaggio. Un mattino, percorrendo la solita stradina, incontrò un'uomo proveniente dalla Slovacchia, di cui non si sapeva se era un prigioniero o un disertore. Si sapeva solo che stava fuggendo da qualcuno. Mio nonno, ovviamente, era spaventato, ma l'uomo lo rassicurò e lo aiutò a trasportare parte di ciò che trasportava e, come ricompensa, mio nonno gli lasciava qualche pezzo di carne o di formaggio. Questi incontri andarono avanti per più di due mesi, fino a che, un giorno, quando le pattuglie tedesche uscirono dal paese, quest'uomo scese in piazza e si mise ad ostacolare i tedeschi. Tirò fuori la rivoltella, ma non fece neanche in tempo a premere il grilletto che era già morto. Mio nonno la prese molto male e da quel giorno l'odio verso i tedeschi divenne sempre più profondo.


Storia numero due:


Ai tempi della seconda guerra mondiale, c'erano due soldati afroamericani(quindi doppio rischio) prigionieri di guerra fuggiti dai tedeschi e ospitati dalle famiglie della campagna bergamasca. Un contadino del luogo offrì loro un tetto sulla testa, cioè una stalla inutilizzata, e la gente del posto accumulava qualche etto di pasta, una manciata di riso o comunque qualcosa per nutrire i due soldati. Facendo ciò, oltre a che i due soldati, anche tutti coloro che collaboravano a curare i due uomini rischiavano di essere catturati se non uccisi. Una volta finita la guerra, si narra che i due si recarono in paese e, entrati in un bar fortemente fascista, fecero tanto di quel casino da far scappare clienti e proprietari e così ebbero la loro vendetta.


8/7/2013 3:55 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,230
Registered in: 4/9/2008
Location: SASSUOLO
Age: 61
Grazie di averci raccontato queste storie. [SM=g27811] [SM=g27811]
Ciao,
Graziano. [SM=g27823]

"La vita è una maestra dura....ma impari....Dio se impari!"






8/7/2013 4:17 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 185
Registered in: 10/7/2012
Location: MILANO
Age: 44
Mi sfugge il senso della seconda storia..
Cmq la Storia è fatta da mille episodi personali..

Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 8:57 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com