New Thread
Reply
 
Previous page | 1 2 | Next page
Print | Email Notification    
Author

Josef Porta - Carro Sovietico IS-2 1/35

Last Update: 4/14/2012 5:55 PM
12/15/2011 10:22 AM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 531
Registered in: 10/28/2011
Location: BERGAMO
Age: 38
Buon giorno a tutti!
Ecco il mio modello: Is 2, scatola della Tamiya,con fotoincisioni Eduard e cingoli friul....

[IMG]http://[/IMG][/IMG]

[IMG]http://[/IMG]

[IMG]http://[/IMG]

[IMG]http://[/IMG]

Un pochino di storia....
Sviluppo

Dai primi impieghi operativi del JS-1 risultò subito evidente che questo carro non era né sufficientemente armato né sufficientemente protetto per i compiti che gli erano stati assegnati. In pratica, pur essendo superiore al KV, non era nettamente migliore del carro che avrebbe dovuto sostituire e, cosa ancor più grave, non era neppure marcatamente migliore dei suoi avversari diretti. Si decise pertanto di procedere a un upgrade di armamento e protezione.

Dall'analisi della battaglia di Kursk emerse che l'arma controcarro con le migliori performance era il cannone divisionale da 122 mm A-19. Fu possibile installare l'A-19 anche sui carri armati, grazie all'adozione di ammortizzatori di rinculo, meccanismi per controllare l'alzo e altri sottosistemi mutuati dall'obice sperimentale U-11. Il progetto di massima fu approvato il 31 ottobre 1943.

Diversamente che nei cannoni più piccoli, fu necessario installare un freno di bocca, per ridurre vampa e polvere sollevata durante lo sparo. Il tipo impiegato inizialmente fu un modello a T, giudicato presto insoddisfacente e sostituito con uno di disegno tedesco in prima battuta e, in seguito, con uno totalmente nuovo e più pesante. I test si succedettero rapidamente e con esito soddisfacente. In particolare, durante i test di fuoco, la corazza laterale di un Panther fu completamente perforata e il lato opposto fu strappato dalle saldature.

La prima parte della produzione fu consegnata nel dicembre del 1943, appena tre mesi dopo i primi JS-1. A partire da febbraio 1944 la produzione dei JS-1 venne sospesa e si produssero solo JS-2. Si evidenziarono presto, con l'uso operativo, alcuni problemi concernenti l'armamento, che non erano stati tenuti nel debito conto durante le prove. In primo luogo, il carro poteva trasportare solo 28 colpi, in luogo dei 59 portati dal JS-1. Poi la cadenza di fuoco era bassa, a causa delle munizioni costituite da proietto e carica separata.

Per correggere questo difetto fu adottata una culatta di differente disegno e parzialmente automatica, che consentiva una cadenza di 1,5 – 2 colpi al minuto, contro gli 1 originari. Inoltre, durante il primo incontro tra i JS-2 e i carri tedeschi, emerse che il proietto APHE BR-471 poteva penetrare la piastra frontale dei Panther solo a meno di 700 m. La corazza frontale dei Tiger I, invece, poteva essere perforata fino a 1200 m. Questo perché il proiettile, molto appuntito, tendeva a perforare più efficacemente corazze verticali (tipo Tiger), mentre rimbalzava da quelle inclinate del Panther. Alla fine, si giunse alla conclusione che le performance migliori le aveva il proietto al alto esplosivo OF-471, che a volte riusciva a sradicare completamente la piastra frontale dalle saldature.

Ad ogni modo, a partire dall'estate del 1944, il problema della scarsa penetrazione dei proiettili AP scomparve. Questo fu dovuto, più che altro, alla sostituzione da parte dei tedeschi dell'acciaio al manganese con acciaio ad alto tasso di carbonio legato con nickel. Le corazze così composte tendevano ad essere decisamente più fragili, specialmente lungo le saldature.

Per quanto riguarda la protezione passiva, a partire dai primi mesi del 1944 fu fatto un tentativo per rendere più robusta la corazzatura del carro, sottoponendo le lastre a tempra drastica per innalzarne la durezza superficiale. Questo portò a un accresciuto numero di componenti necessari per la produzione dello scafo, oltre a costi produttivi più elevati. Alla fine si giunse a un nuovo disegno della parte frontale del carro, più filante e con un'inclinazione costante di 60° rispetto alla verticale. La nuova piastra frontale, prodotta dal maggio 1944, risultò impenetrabile all'88 mm KwK 36 anche se colpita da breve distanza. La parte inferiore del muso, inclinata di 30°, rimase più vulnerabile. Dal luglio 1944 pezzi di cingolo vennero attaccati ad essa come soluzione "artigianale" al problema. La torretta risultò impossibile da modificare. Disegnata per il cannone da 85 mm, risultava sbilanciata dal peso del 122 mm. Un'accresciuta corazzatura l'avrebbe ulteriormente sbilanciata, rendendo necessario un nuovo meccanismo di brandeggio.

Dopo queste modifiche il carro rimase sostanzialmente inalterato per tutto il corso della guerra e fino al 1954-55, quando fu intrapreso un programma di modernizzazione che diede origine al JS-2M.


Caratteristiche tecniche del JS-2

Il carro JS-2 è convenzionale, con torretta montata in posizione centrale leggermente avanzata e motore da 600 cv montato posteriormente in posizione trasversale. La corazzatura è di acciaio omogeneo, fusa, spessa 120 mm in corrispondenza della porzione superiore della piastra frontale e 100 mm allo scudo della torretta. Sono molto protetti anche i lati, con 90 mm.

L'armamento principale è costituito da un cannone A-19 da 122 mm, con proietti e cariche separati. Una mitragliatrice da 7,62 mm è montata coassialmente al cannone.

Rispetto al JS-1, la cupola del capocarro è leggermente spostata a sinistra e il periscopio PT4-17 è stato sostituito da un visore MK-IV. Sul portello del capocarro è installata una mitragliatrice pesante DShK per difesa antiaerea. L'equipaggio è di 4 persone (capocarro, cannoniere, pilota e servente). Il pilota siede anteriormente in posizione centrale, con le leve per il comando dei cingoli (per avanzamento e sterzata) alla sua destra e alla sua sinistra. La visibilità anteriore a portello chiuso è assicurata da una feritoia. I proiettili dell'armamento principale sono stivati in riservette intorno all'anello della torretta e sui lati della torretta stessa.

Il peso complessivo del carro è di circa 46 t. L'autonomia, in condizioni ottimali è di circa 250 km.

Impiego operativo

Come il JS-1, il JS-2 ebbe il suo battesimo del fuoco durante le fasi finali dell'occupazione dell'Ucraina.

Le prime battaglie a cui prese parte furono quelle di Proskurovo-Černigovskaya e Umansko-Botočskaya. I reggimenti equipaggiati con questa macchina erano l'11° e il 72º Reggimento guardie.

Il 72º reggimento, incorporato nella 1ª Brigata corazzata Guardie, nel maggio 1944 prese parte ad azioni nei pressi di Obertin e, in 20 giorni di combattimenti, perse appena otto carri, distruggendo oltre quaranta Tiger e StuG,[2] tre portamunizioni e dieci cannoni controcarro. Il carro si dimostrò in grado di sostenere anche elevati livelli di danno prima di capitolare.

In un rapporto ufficiale russo si legge:

« Il 20 aprile, il carro #40247 finì sotto il fuoco di un semovente Ferdinand in un raggio di 1500/2000 m [...] Manovrando per sganciarsi, ricevette senza alcun danno cinque colpi sull'arco frontale. »

In generale, i rapporti di danneggiamento dei JS-2 sono tutti simili. I carri venivano messi fuori combattimento solo da colpi di grosso calibro sparati a distanze inferiori agli 800 m, sui lati o sul retro. Per lo più, l'equipaggio era in grado di evacuare il veicolo illeso o con ferite leggere.

In definitiva, i JS-2 e i Tiger I e II ebbero solo ingaggi sporadici.

Il primo scontro tra JS-2 e Tiger II si ebbe il 13 agosto 1944. La compagnia comandata dal tenente Klimenkov distrusse due Tiger II. Contemporaneamente, il tenente Udalov ne distrusse altri tre. Il 12 novembre ci fu un'altra schermaglia vicino a Budapest e il 12 gennaio 1945 vicino a Lisuv. In entrambi i casi, tutte e due le parti subirono grosse perdite. Vale la pena di ricordare che l'88 mm del Tiger II aveva una migliore capacità di perforare le corazze, mentre il 122 mm sovietico grazie all'enorme energia cinetica era spesso in grado di far saltare la torretta o far detonare le munizioni all'interno dei carri avversari anche senza penetrare la corazza.
In totale, entro la fine del conflitto furono formate cinque brigate carri pesanti indipendenti. Due di esse presero parte alla battaglia di Berlino.
E qui si ritorna al modello,infatti le decal saranno della 7th indipendent guards heavy tank brigade, Aprile 1945, Berlino...
I JS-2 si rivelarono ottimi per neutralizzare le postazioni fortificate nemiche, dal momento che un singolo colpo da 122 mm poteva distruggere una cupola in cemento armato di un bunker. A partire dai primi mesi del 1945, i carri furono impiegati sempre di più in ambiente urbano. I JS-2 ricevettero delle scudature aggiuntive, montate spaziate rispetto alla corazzatura principale, per proteggersi dai proiettili HEAT dei panzerfaust o altre armi simili. Il colpo distruggeva lo scudo superficiale, ma non perforava la corazza principale, sulla quale rimaneva un piccolo buco annerito, poco profondo, che gli equipaggi chiamavano "il bacio della strega".

Durante i combattimenti in area urbana, gli equipaggi ricevettero anche l'ordine di combattere con i portelli chiusi, ma non bloccati. Questo permetteva di soccorrere gli equipaggi feriti, prevenendo, contemporaneamente, la possibilità che i nemici riuscissero a buttare bombe a mano dentro il carro da postazioni sopraelevate. La misura si rivelò efficace, e le perdite di equipaggi diminuirono. I tedeschi praticamente non poterono mai studiarlo a fondo, perché i russi erano padroni dei campi di battaglia e recuperavano i relitti dopo gli scontri..













A presto per aggiornamenti.... [SM=g27823]


[Edited by Josef Porta 12/15/2011 11:12 AM]
12/16/2011 9:12 AM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,812
Registered in: 4/21/2006
Location: CATANIA
Age: 57
Ottima presentazione, molto utile e interessante ! [SM=g27811]

www.michelangelosicilia.webnode.com
12/21/2011 8:03 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 531
Registered in: 10/28/2011
Location: BERGAMO
Age: 38
Buona sera a tutti!
Prima di tutto,grazie Mike.... [SM=g27823]
Da pochi giorni ho cominciato il modello...
Per ora montato il più grosso....

[IMG]http://[/IMG]

[IMG]http://[/IMG]

[IMG]http://[/IMG]

Ho iniziato a montare anche le fotoincisioni,ed ho riscontrato un piccolo problema: non mi segue bene la linea dello scavo,lasciando un piccolo spazio vuoto tra scafo e fotoincisione.... [SM=g27820]

[IMG]http://[/IMG]

Che posso fare?
Grazie..... [SM=g27823]
[Edited by Josef Porta 12/21/2011 8:04 PM]
12/25/2011 2:42 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 531
Registered in: 10/28/2011
Location: BERGAMO
Age: 38
Domanda: per testurizzare la torretta e scafo ho qui lo stucco della tamiya,ma è un pò troppo denso...con che cosa posso ammorbidirlo?
grazie......
12/25/2011 3:12 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,812
Registered in: 4/21/2006
Location: CATANIA
Age: 57
Per sciogliere lo stucco, se non ricordo male, si usa l'acetone, dilunte per lo smalto delle unghie.
Io ti suggerisco la tappo verde , inumidisci la zona che stai lavorando e poi la testurizzi con un veccio pennello a setole dure.
quando è asciutto (ben asciutto) puoi carteggiare con carta abrasiva fine.
Io la tappo verde l'ho sostituita con la nitro, funziona uguale e costa molto meno.
ciao
mike

www.michelangelosicilia.webnode.com
12/25/2011 3:15 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,528
Registered in: 5/20/2009
Location: CERVETERI
Age: 66
JOSEF STALIN
Dopo una simile presentazione non mi aspetto,
ne' piu' ne' meno che un bestione capolavoro.
[SM=g27811] [SM=g1865386] [SM=g27811]
A presto. Brunetto. [SM=x2112453]
12/25/2011 3:35 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 907
Registered in: 3/8/2008
Location: CASTELLETTO MERLI
Age: 40
Il solvente per unghie va più che bene.Lavora in una zona ben areata e metti un pò di stucco dentro un contenitore e ci versi sopra un po si solvente.Mischi il tutto fino ad arrivare ad avere un composto abbastnaza denso e con un vecchio pennello trondo ,tagliato corto in modo che ne rimanga solo uno spiumetto,picchitti lo stucco sulle piastre che devono essere irruvidite.Lavori in modo che la costinstenza dello stucco sia grezza al punto giusto.
12/25/2011 3:40 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 531
Registered in: 10/28/2011
Location: BERGAMO
Age: 38
Grazie Mike!
Capolavoro...insomma.. [SM=g27822] ..spero almeno esca qualcosa di decente.... [SM=g27828]
Per quanto riguarda le saldature,posso usare lo stesso medoto?
Grazie.... [SM=g27823]

Ps: Mike, complimenti per la Babba (gnocca.... [SM=g27836] ) Natale... [SM=g27828]
[Edited by Josef Porta 12/25/2011 3:43 PM]
12/25/2011 3:48 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 907
Registered in: 3/8/2008
Location: CASTELLETTO MERLI
Age: 40
[IMG]http://i40.tinypic.com/6s5634.jpg[/IMG]
immagine inserita a scopo didattico
12/25/2011 3:52 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 531
Registered in: 10/28/2011
Location: BERGAMO
Age: 38
Grazie Vicario!
Più chiaro di cosi.... [SM=g27823]
[Edited by Josef Porta 12/25/2011 3:52 PM]
12/25/2011 5:11 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,041
Registered in: 3/14/2003
Location: REGGIO EMILIA
Age: 52
Per diluire lo stucco bianco Tamiya io uso. La colla tappo verde. Sacrifico un boccetto, taglio appena le setole del pennellino e riesco ad ottenere un ottimo effetto fusione.
L'acetone è molto aggressivo con la plastica, va usato con molta attenzione!
[Edited by montip 12/25/2011 5:12 PM]
Paolo
Reggio Emilia
12/25/2011 6:07 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,812
Registered in: 4/21/2006
Location: CATANIA
Age: 57
Per le saldature io uso il milliput white per riprodurre quelle più ampie e lo sprue stirato a caldo, posizionato dove riprodurre la saldature, inumidito con la nitro ( o colla tappo verde) e "picchiettato" con la lama di un bisturi per riprodurre la trama della saldatura.
Fai qualche prova su un vecchio modello ....
ciao
mike

www.michelangelosicilia.webnode.com
12/25/2011 6:30 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 531
Registered in: 10/28/2011
Location: BERGAMO
Age: 38
Grazie a tutti!
Ho provato con lo stucco bicomponente a riprodurre qualche saldatura....a voi la decisione se va bene oppure se è una c....a.... [SM=g27822]

[IMG]http://[/IMG]

[IMG]http://[/IMG]
12/25/2011 6:46 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,840
Registered in: 6/11/2006
Location: ROMA
Age: 42
La saldatura che hai fatto sulla torre non c'era, se non dico una cavolata quella parte li era imbullonata internamente

dovresti invece farla nella parte dove si uniscono i due semigusci della torre..
[Edited by kingtiger2 12/25/2011 6:47 PM]

Un saluto
gianni



12/25/2011 7:35 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 531
Registered in: 10/28/2011
Location: BERGAMO
Age: 38
Grazie king.... [SM=g27823]
Provvederò con la modifica....
12/25/2011 8:25 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,812
Registered in: 4/21/2006
Location: CATANIA
Age: 57
Quelle riprodotte intorno ai ganci di sollevamento vanno bene.

www.michelangelosicilia.webnode.com
12/28/2011 9:00 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,636
Registered in: 3/20/2006
Location: ROMA
Age: 61
Tutto ok!
L'inizio è promettente [SM=g27811] .
Solo una cosa mi lascia alquanto perplesso: come potevano i colpi del 122 sovietico far detonare le munizioni interne anche in caso di mancata perforazione della corazza? [SM=g27833]

Giampiero


www.modelclubroma.it

Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza (Dante Alighieri)
12/28/2011 10:33 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 531
Registered in: 10/28/2011
Location: BERGAMO
Age: 38
Per via della forza cinetica che aveva il proiettile....
Purtroppo non sono riuscito a trovare una spiegazione più dettagliata...
Sono risucito a trovare qualche altra notizia sullo sviluppo però:
Preso "spunto" dal cannone campale A-19,


I sovietici hanno iniziato lo sviluppo di un nuovo cannone,ritenuto l'85mm non all'altezza...
Dopo sviluppi,sono arrivati al modello D-25T ( T sta per Tankovaya,carro...)
Questo modello è stato in grado in un test di oltrepassare la piastra forntale di un Pather,perforando anche blocco motore e piastra posteriore ad una distanza di 1500m...
Comunque se riuscirò a trovare altre informazioni,posterò con l'avanzare del topic....
1/4/2012 8:06 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 531
Registered in: 10/28/2011
Location: BERGAMO
Age: 38
Buona sera a tutti!
Ecco le foto degli ultimi progressi....
Critiche e consigli ben accetti... [SM=g27823]

[IMG]http://[/IMG]

[IMG]http://[/IMG]

[IMG]http://[/IMG]

[IMG]http://[/IMG]

Alla prossima! [SM=g27822]
1/4/2012 9:41 PM
 
Email
 
Quote
OFFLINE
Post: 63
Registered in: 1/1/2012
Location: TRIESTE
Age: 46
Sta venendo molto bene! [SM=g1865391]
Forse solo una cosa mi convince poco: il maniglione sagomato attorno alla mitragliatrice posteriore della torretta. Non che ci fosse una regola o punti prestabiliti nel loro fissaggio. Si vedono foto di IS con decine di maniglioni sulla torretta, come con solo un paio. In genere posizionate anche in basso.
Ma piuttosto che sagomarle, le piazzavano dritte e se tra la gobba per la mitragliatrice e la maniglia rimaneva poco spazio, poco importava. L'importante era non perdere fanti per strada...

Bel bestione! [SM=g27811]
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 | Next page
New Thread
Reply

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 1:20 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com